C'è una Sinistra Socialista nel PSI?

Pubblicato il da Psi torino

In queste ultime settimane con questo caldo le amenità nei cosiddetti gruppi fb Socialisti si sprecano ... c'è chi propugna alleanze con l'IDV e la Fed, per costruire una sinistra antagonista; chi crede nell'affabulante governatore pugliese e segue le sue ondivaghe posizioni; chi critica Vendola ma ne rivendica i passati meriti politici, ma soprattutto si attacca con una regolarità metodica, quotidiana e ossessiva, il Segretario Nencini e l'attuale gruppo dirigente, colpevole forse solo di aver intuito con molto anticipo che l'asse privilegiato per costruire l'alternativa di Sinistra deve essere costituito da tutti coloro che si riconoscono nella Casa dei democratici e dei Riformisti. Ora la cosiddetta Sinistra Socialista, dopo averci tediato per mesi su un asse privilegiato idv-sel-psi presente solo nelle sue cervellotiche elucubrazioni, chiede con insistenza un Congresso, dove i numeri impietosamente dicono che la quasi totalità di iscritti, militanti e dirigenti locali appoggiano la linea del Segretario, per discutere non si sa su cosa, visto che il PSI sarà collocato saldamente nel Centro-Sinistra e avrà come suoi interlocutori il PD e Sel, e questo nessuno potrà metterlo in discussione. Io personalmente mi auguro che si riprendano i contatti con i radicali e il mondo laico, e questa posizione, che è condivisa anche da altre più autorevoli voci del partito, non è in contrasto con le posizioni della Segreteria. Cari compagni della Sinistra Socialista, mancano pochi mesi alle elezioni politiche e non sappiamo quali caratteristiche avrà la futura legge elettorale: perchè, invece di attaccare Nencini, non proviamo a dare un'immagine di unità e coesione e  a costruire tutti insieme un PSI davvero protagonista nella prossima legislatura? Sarebbe un dono di valore inestimabile per tutta la Sinistra italiana!

Davide Frascella

 

 

 

 

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post