Il PSI a Torino deve costruire una nuova Sinistra!

Pubblicato il da Psi torino

Il compito che attende noi socialisti torinesi nei prossimi mesi è davvero difficoltoso, ma nello stesso tempo esaltante. Ricostruire un Partito che in questi ultimi anni ha vissuto difficili situazioni interne, e che solo da pochi mesi sta avviando una faticosa riorganizzazione, non è impresa facile, questo tuttavia deve essere una possibilità ulteriore per il PSI che non deve limitarsi a riorganizzare la propria forza politica e organizzativa, ma deve essere il punto di riferimento di tutto quel mondo laico e riformista che oggi è scarsamente rappresentato. Solo una forza collocata stabilmente nel centro-sinistra, ma aperta al dialogo con il mondo laico e dell'associazionismo può davvero giocare un ruolo decisivo nella costruzione di quella Sinistra plurale solidale, laica e riformista che abbiamo nel cuore. Per fare questo è necessario partire dai giovani, dalle scuole e dalle università e cogliere e interpretare correttamente quelle ansie e quelle speranze che ci giungono e farle diventare proposte concrete per il rinnovamento della politica e della Società. Bisogna farsi interpreti delle istanze dei lavoratori precari, degli immigrati regolari, dei pensionati e dare loro diritto di tribuna, oggi concesso solo dalla Sinistra antagonista o dai grillini, e ripensare alle forme tradizionali di partito o movimento sulla base dei nuovi stimoli della comunicazione virtuale e della propaganda mediatica, costruendo un Partito che sia sempre a contatto con l'opinione pubblica e il territorio, attraverso una rete di ascolto e dialogo mediatica e funzionale. Il PSI deve trasformarsi, svecchiarsi e lavorare per realizzare il riformismo del XXI secolo, con meno orpelli ideologici e più capacità di proposte concrete e vicine agli interessi, ai sogni e alle speranze di tutti noi!Il PSI deve lavorare per questo, aiutateci a relizzare questa speranza di libertà e giustizia sociale!

Davide Frascella

 

 

 

 

 

 

 

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post