PSI: scelte ineludibili!

Pubblicato il da Psi torino

Cari compagni e compagne, una caldissima estate sta ormai finendo, e sebbene i suoi tardivi miasmi ci fanno ancora boccheggiare, è necessario cominciare a riflettere sulle ormai ineludibili scelte che ci attendono. Nel prossimo mese di settembre a livello nazionale la nostra dirigenza dovrà, sulla linea delineata a Perugia costruire una alternativa riformista di governo attraverso l'alleanza politica e programmatica con Sel e il PD.La nostra consistenza e il nostro peso politico, oggi molto ridotti dipenderanno anche dalle scelte che saranno compiute dalle altre forze minori del Centro-Sinistra(Verdi, Radicali e laici) per il rafforzamento di un'area laico-socialista all'interno della coalizione.Il nodo cruciale rimane quello della legge elettorale,e della sua articolazione, che avrà su noi Socialisti una rilevanza fondamentale sulle strategie del Partito. Una legge come l'attuale, con poche modifiche come l'introduzione delle preferenze, e la riduzione, già concordata del numero dei parlamentari, permetterebbe la presentazione della lista Socialista alle prossime elezioni e renderebbe del tutto superfluo ogni dibattito interno, mobilitando il Partito a raccogliere unitariamente il maggior consenso possibile, inserendo nelle liste PSI anche esponenti del mondo laico e della società civile. Il discorso si complicherebbe invece con l'introduzione di una soglia di sbarramento al 4 o al 5% per ottenere eletti. A questo punto un dibattito interno nel Partito sarebbe necessario, e la scelta di presentare candidati Socialisti all'interno di liste alleate dovrebbe essere sanzionata da un Congresso e da un voto, che se maggioritario dovrebbe essere accettato anche dalle eventuali minoranze interne.Io personalmente sono sempre stato autonomista e continuo a pensare che una lista laico-socialista sarebbe l'unica seria alternativa riformista all'interno del Centro-Sinistra. Ma dopo questo indispensabile momento di confronto non rimarrebbe che sostenere la scelta della maggioranza del PSI e lavorare tutti insieme per la difesa , dopo le elezioni della nostra identità e per la costruzione di un grande Soggetto riformista, laico e progressista, che sul solco delle grandi Socialdemocrazie europee manca da troppi anni nel nostro Paese. Spero che questo articolo possa essere uno stimolo al dibattito interno, senza intrusioni di "Socialisti" di altre forze politiche, che ha come unico scopo quello di ricompattare il nostro Partito, pur nel rispetto di posizioni e punti di vista differenti , ma che hanno come unico obbiettivo l'unità del PSI!

Davide Frascella

 

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post